Ignacio Ramonet – Cento minuti in carcere con Lula

download

All’ex presidente del Brasile, Luiz Inácio Lula da Silva, imprigionato nella città di Curitiba, nel sud del paese, sono consentite solo due visite alla settimana. Un’ora. Il giovedì pomeriggio, dalle quattro alle cinque. Dobbiamo aspettare il nostro turno. E la lista di coloro che desiderano vederlo è lunga… Ma oggi, 12 settembre, è il momento di Adolfo Pérez Esquivel, premio Nobel per la pace, e il mio.

Lula è in carcere, scontando una condanna di 12 anni e 1 mese “per corruzione passiva e riciclaggio di denaro”, ma non è stato condannato definitivamente (può ancora appellarsi) e, soprattutto, i suoi accusatori non sono stati in grado di provare la sua colpevolezza. Era tutta una farsa. Come confermano le devastanti rivelazioni di The Intercept, una rivista di ricerca online gestita da Glenn Greenwald. Lula è stato vittima della più assoluta arbitrarietà. Un complotto giudiziario totalmente manipolato, destinato a rovinare la sua popolarità e ad eliminarlo dalla vita politica. Per assassinarlo sui media. Impedendogli di presentarsi e vincere le elezioni presidenziali del 2018. Una sorta di “colpo di stato preventivo” …

Oltre ad essere giudicato in modo assolutamente arbitrario e indecente, Lula è stato costantemente linciato dai grandi gruppi mediatici dominanti – in particolare O Globo – al servizio degli interessi dei maggiori uomini d’affari, con un odio feroce e revanscista contro il miglior presidente della storia del Brasile, che ha tolto quaranta milioni di brasiliani dalla povertà e creato il programma “zero fame” … Imperdonabili… Quando suo fratello maggiore, Genival ‘Vavá’, il più amato, morì, non gli fu permesso di partecipare al funerale, nonostante fosse un diritto garantito dalla legge. E quando morì di meningite il suo pronipote Arthur, 7 anni, il più legato, gli fu permesso di andare solo per un’ora e mezza (!) alla veglia. Umiliazione, soprusi, vendette miserabili…

Prima di dirigerci verso il carcere – situato a circa sette chilometri dal centro di Curitiba – abbiamo incontrato un gruppo di persone vicine all’ex presidente perché ci spiegassero il contesto.

Roberto Baggio, leader locale del Movimiento de los Sin Tierra (MST), ci racconta come è stata organizzata la mobilitazione permanente chiamata “Veglia”. Centinaia di persone del grande movimento “Lula Livre!” si accampano permanentemente davanti all’edificio del carcere, organizzando incontri, dibattiti, conferenze, concerti…. E tre volte al giorno – alle 9:00, 14:30 e 19:00 – lanciano un urlo verso l’alto a pieni polmoni: «Buona giornata», «Buon pomeriggio», «Buona notte, signor Presidente!» … «Affinchè Lula possa sentirci, per dargli coraggio», ci dice Roberto Baggio, «e fargli arrivare la voce della gente. All’inizio, pensavamo che sarebbe durata cinque o sei giorni e che la Corte Suprema avrebbe rilasciato Lula… ma ora siamo organizzati per una Protesta Popolare Prolungata».

Carlos Luiz Rocha è uno degli avvocati di Lula. Va a trovarlo quasi ogni giorno. Ci racconta che il team legale dell’ex presidente mette in discussione l’imparzialità del giudice Sergio Moro, ora premiato da Bolsonaro con il Ministero della Giustizia, e l’imparzialità dei pubblici ministeri. «Deltan Dallagnol, il procuratore capo, me lo ha confermato di persona, mi ha detto che “nel caso di Lula, la questione legale è una pura filigrana”. Il problema è politico».

Rocha è relativamente ottimista perché, secondo lui, a partire dal prossimo 20 settembre, Lula avrà completato la parte di pena sufficiente per poter uscire agli “arresti domiciliari”. «C’è un altro elemento importante» ci dice «mentre la popolarità di Bolsonaro sta diminuendo bruscamente, i sondaggi dimostrano che la popolarità di Lula sta tornando a crescere. Attualmente, più del 53 per cento dei cittadini pensa che Lula sia innocente. La pressione sociale sta diventando sempre più intensa a nostro favore».

Siamo stati raggiunti dalla nostra amica Mônica Valente, segretaria delle relazioni internazionali del Partido de los Trabajadores (PT) e segretario generale del Foro de Sao Paulo.

Insieme a questi amici, ci mettiamo in cammino verso il luogo di prigionia di Lula. L’appuntamento con l’ex presidente è fissato alle 16:00. Ma prima andremo a salutare i gruppi di Veglia, ed è necessario prevedere le formalità di ingresso nell’edificio del carcere. Non è una prigione ordinaria, ma la sede amministrativa della polizia federale, al cui interno è stata improvvisata una stanza che funge da cella.

Entreremo per vedere Lula, solo Adolfo Pérez Esquivel ed io, accompagnati dall’avvocato Carlos L. Rocha e Mônica Valente. Anche se il personale del carcere è amichevole, sono molto severi. I telefoni ci vengono sottratti. La ricerca è elettronica e approfondita. É permesso solo portare i libri e le lettere dell’imputato, e ancora… perché Adolfo gli porta 15.000 lettere di ammiratori in una chiavetta USB ma gliela confiscano per verificarla molto attentamente… poi gliela restituiranno.

Lula è al quarto piano. Non lo vedremo in una sala visite speciale, ma nella sua stessa cella dove è rinchiuso. Saliamo con l’ascensore fino al terzo piano, e raggiungiamo l’ultimo a piedi. Alla fine di un piccolo corridoio, sulla sinistra, si trova la sua porta. C’è una guardia armata seduta di fronte a noi che ci apre la porta. In nessun modo assomiglia a una prigione – tranne che per le guardie – sembra più un ufficio amministrativo e anonimo. Il capo carceriere, Jorge Chastalo (è scritto sulla sua camicia), alto, forte, biondo, con gli occhi azzurro-verdi e gli avambracci tatuati, ci ha accompagnato qui. Un uomo gentile e costruttivo che ha, vedo, rapporti cordiali con il suo prigioniero.

La cella-camera è rettangolare, si entra da uno dei piccoli lati e ci si presenta in tutta la sua profondità. Poiché i nostri telefoni sono stati confiscati, non posso scattare foto e prendo nota mentale di tutto ciò che osservo.

Si tratta di circa sei o sette metri di lunghezza per circa tre metri e mezzo di larghezza, cioè circa 22 metri quadrati di superficie. Appena a destra, entrando, si trova il bagno, con doccia e servizi igienici; si tratta di una stanza separata. Sul retro, di fronte, due grandi finestre quadrate con barre metalliche orizzontali dipinte di bianco. Le tende da sole grigio-argento all’esterno lasciano entrare la luce naturale ma impediscono di vedere l’esterno.

Nell’angolo sinistro della cella c’è il letto singolo ricoperto da un copriletto nero e sul pavimento un piccolo tappeto. Sopra il letto, inchiodato al muro, ci sono cinque grandi fotografie a colori del nipote Arthur recentemente scomparso, e degli altri nipoti di Lula insieme ai loro genitori. Accanto, sulla destra e sotto una delle finestre, c’è un comodino in legno chiaro, stile anni ’50, con due cassetti sovrapposti, rosso quello sopra. Ai piedi del letto, un mobile in legno sostiene anche una piccola TV a schermo piatto nero da 32 pollici. A fianco, sempre contro la parete sinistra, c’è un tavolo basso con una caffettiera e quello che serve per fare il caffè. Attaccato ad essa, un altro mobile quadrato e più alto, serve da supporto per una fontana d’acqua, una bottiglia verde smeraldo come quelle che si vedono negli uffici. La marca dell’acqua è “Prata da Serra”.

Nell’altro angolo del fondo, a destra, si trova la zona palestra, con una panca rivestita di finta pelle nera per gli esercizi, elastici per il bodybuilding e un grande tapis roulant. Sul lato, tra il letto e il deambulatore, c’è un piccolo riscaldatore elettrico nero su ruote. Nella parte superiore della parete posteriore, sopra le finestre, c’è un condizionatore d’aria bianco.

Al centro della stanza, un tavolo quadrato di 1,20 metri di lato, rivestito in gomma bianca e blu, e quattro comode sedie, con braccioli, nere. Una quinta sedia o poltrona è disponibile contro la parete destra. Infine, incollato alla parete divisoria che separa la stanza dal bagno: un grande armadio a tre sezioni, in rovere chiaro e bianco, con un piccolo ripiano sul lato destro che funge da libreria.

Tutta modesta e austera, anche spartana, per un uomo che per otto anni è stato presidente di una delle prime dieci potenze del mondo… ma tutto era molto ordinato, molto pulito, molto organizzato.

Con il suo solito amore, con abbracci caldi e parole di amicizia e affetto, Lula ci accoglie con la sua voce caratteristica, rauca e potente. Indossa una camicia Adidas del Corinthians, la sua squadra di calcio paulista preferita, pantaloni Nike grigio chiaro e infradito bianche in stile Havaian. Sembra molto sano, robusto e forte: «Cammino nove chilometri al giorno», ci dice. E in ottime condizioni psicologiche: «Aspetteremo tempi migliori per essere pessimisti» dice «Non sono mai stato depresso, mai, da quando sono nato; e non lo sarò adesso».

Ci siamo seduti intorno al tavolino, lui davanti alla porta, con la schiena alle finestre, Adolfo alla sua destra, Mônica davanti, l’avvocato Rocha un po’ distante tra Adolfo e Mônica, ed io alla sua sinistra. Sul tavolo ci sono quattro tazze piene di matite e penne colorate.

Gli consegno i due libri che gli ho portato, le edizioni brasiliane di “Cento ore con Fidel” e “Hugo Chavez. La mia prima vita”. Scherza sulla sua stessa biografia che il nostro amico Fernando Morais scrive da anni: «Non so quando la finirà… Tutto è iniziato quando ho lasciato la Presidenza nel gennaio 2011. Pochi giorni dopo, sono andato ad un incontro con i cartoneros di San Paolo… Ero sotto un ponte, e lì una bambina mi ha chiesto se sapevo cosa avevo fatto per i cartoneros. Mi ha sorpreso, e le ho detto che, beh, i nostri programmi sociali, nell’istruzione, nella salute, negli alloggi, ecc. E lei mi disse: “No, quello che ci hai dato è la dignità”. Una bambina! Ne sono rimasto impressionato, ne ho discusso con Fernando. Le ho detto: “Guarda, sarebbe bello fare un libro con quello che la gente pensa di ciò che abbiamo fatto al governo, quello che pensano i funzionari, i commercianti, gli uomini d’affari, i lavoratori, i contadini, gli insegnanti? Chiedere loro, raccogliere le risposte… Fare un libro non con quello su cui posso contare nella mia presidenza, ma con quello che dicono i cittadini stessi… Quello era il progetto, ma Fernando si è gettato in un’opera titanica perché vuole essere esaustivo. Ha scritto solo del periodo 1980-2002, cioè prima che io diventassi presidente… ed è già un volume colossale! Perché in quel periodo di 22 anni sono successe tante cose… abbiamo fondato la CUT (Central Única de Trabajadores), il PT, il MST, abbiamo lanciato le campagne “Direitas ja!” a favore della Costituente… abbiamo trasformato il paese… Il PT è diventato il primo partito del Brasile. E devo chiarire che ancora oggi, in questo paese, c’è un solo partito veramente organizzato: il nostro, il PT».

Gli abbiamo chiesto del suo umore. «Oggi sono passati 522 giorni da quando sono entrato in questa prigione sabato 7 aprile 2017. Ed è stato esattamente un anno fa quando ieri ho dovuto prendere la decisione più difficile, scrivere la lettera in cui ho rinunciato a candidarmi alle elezioni presidenziali del 2018. Ero in questa cella, da solo… dubitando… perché mi sono reso conto che stavo cedendo a ciò che i miei avversari volevano, impedendomi di essere un candidato. É stato un momento difficile, uno dei più difficili… ed io ero tutto solo qui. Ho pensato: è come partorire con molto dolore e nessuno che ti tiene la mano».

Apre il libro “Cento ore con Fidel” e mi dice: «Ho incontrato Fidel nel 1985, esattamente a metà luglio del 1985… Sono stato all’Avana per la prima volta partecipando alla Conferenza sindacale dei lavoratori latinoamericani e caraibici sul debito estero. Avevo già lasciato la CUT, non ero più sindacalista, ero segretario generale a tempo pieno del PT e l’anno successivo ero candidato alle elezioni legislative. Ma in quella Conferenza non c’erano solo sindacalisti. Fidel aveva invitato anche intellettuali, professori, economisti e leader politici. Ricordo che erano già le cinque del pomeriggio, al Palacio de Congresos, presieduto da Fidel, che si stava annoiando. Poi Fidel, che non conoscevo personalmente, mi ha mandato un messaggio chiedendomi se stavo per parlare. Ho risposto di no, che non era previsto… Poi mi ha quasi dato un ordine: “Devi parlare, e sarà l’ultimo intervento, chiuderemo con te”. Ma la CUT non voleva che prendessi la parola in alcun modo, quindi non sapevo cosa fare. Verso le sette del pomeriggio, dalla presidenza del tavolo, Fidel annuncia, a sorpresa, che ho la parola… Sono stato quasi costretto a parlare, mi sono alzato, sono andato alla tribuna… e ho cominciato a parlare, senza traduzione. Ho fatto un lungo discorso e ho finito col dire: “Compagno Fidel, voglio dire agli amici qui riuniti che gli Stati Uniti stanno cercando in tutti i modi di convincerci che sono invincibili. Ma Cuba li ha sconfitti, il Vietnam li ha sconfitti, il Nicaragua li ha sconfitti e anche El Salvador li sconfiggerà! Non dobbiamo aver paura di loro”. C’è stato un forte applauso. Beh, la giornata finì e io andai nella mia casa assegnata a Laguito. Quando sono arrivato, chi mi stava aspettando nel soggiorno della casa? Fidel e Raùl! Entrambi erano lì seduti ad aspettarmi. Fidel cominciò a chiedermi dove avevo imparato a parlare così… Ho raccontato loro la mia vita… Ed è così che siamo diventati amici per sempre».

«Devo dire» aggiunge Lula «che Fidel è sempre stato molto rispettoso, non mi ha mai dato consigli irrealistici. Non mi ha mai chiesto di fare cose folli. Sempre prudente, moderato, un uomo saggio, un genio».

Lula chiede poi a Pérez Esquivel, che presiede il comitato internazionale a favore dell’assegnazione del Premio Nobel per la pace all’ex presidente brasiliano, come procede il progetto. Adolfo fornisce dettagli sul grande movimento mondiale a sostegno di questa candidatura e dice che il premio è annunciato, in generale, all’inizio di ottobre, cioè in meno di un mese…. E che secondo le sue fonti quest’anno sarà per un latinoamericano. Sembra ottimista.

Lula insiste sul fatto che il sostegno dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, presieduto da Michelle Bachelet, è decisivo. Dice che questa è la «battaglia più importante». Ma che non la vede facile. Ci racconta un aneddoto: «Qualche anno fa, quando ho lasciato la presidenza, ero già stato nominato per il Premio Nobel per la pace. Un giorno, ho incontrato la Regina Consorte di Svezia, Silvia, moglie del re Carlo XVI Gustavo. Lei è la figlia di una brasiliana, Alice Soares de Toledo, quindi abbiamo parlato in confidenza. E mi disse: “Finché sei amico di Chavez, non credo che tu possa fare molti progressi. Stai lontano da Chavez e avrai il Premio Nobel per la pace”. É così che vanno le cose».

Gli chiedo come giudica questi primi otto mesi di regime di Jair Bolsonaro. «Bolsonaro sta svendendo il paese» risponde «E sono convinto che tutto ciò che sta accadendo è pilotato da Petrobras… A causa del super giacimento off-shore Pre-Sal di petrolio, il più grande del mondo, con favolose riserve, di altissima qualità, scoperto nel 2006 nelle nostre acque territoriali. Anche se è a grande profondità – più di seimila metri – la sua ricchezza è di dimensioni tali da giustificare tutto… Posso anche dire che la riattivazione della IV Flotta, da parte di Washington, che pattuglia lungo le coste atlantiche del Sud America, è stata decisa quando è stato scoperto il deposito Pre-Sal. Ecco perché, con Argentina, Venezuela, Uruguay, Ecuador, Ecuador, Bolivia, ecc… abbiamo creato il Consiglio di Sicurezza di UNASUR: è un elemento determinante».

«Il Brasile» continua Lula «è sempre stato un paese dominato da élite che si sono volontariamente presentate agli Stati Uniti. Solo quando siamo arrivati al potere nel 2003, il Brasile ha iniziato a giocare un ruolo di primo piano… Siamo entrati nel G-20, abbiamo fondato i BRICS (con Russia, India, Cina e Sudafrica), organizzato – per la prima volta in un paese emergente – i Giochi Olimpici, la Coppa del Mondo di calcio… Non c’è mai stata così tanta integrazione regionale in America Latina! Per esempio, i nostri scambi all’interno del Mercosur erano di 15 miliardi di dollari; quando ho finito i miei due mandati erano di 50 miliardi di dollari. Anche con l’Argentina, quando sono arrivato c’erano 7 miliardi, quando ho finito 35 miliardi. Gli Stati Uniti non vogliono che noi siamo protagonisti, che abbiamo sovranità economica, finanziaria, politica, industriale e ancor meno militare. Non vogliono, ad esempio, che il Brasile firmi accordi con la Francia sui sottomarini nucleari… Avevamo fatto progressi al riguardo, con il presidente François Hollande, ma con Bolsonaro è crollato. Anche questa miserabile dichiarazione, così spaventosamente antifemminista, contro Monique, moglie del Presidente francese Emmanuel Macron, deve essere collocata in questo contesto».

Parliamo di molti dei suoi amici che hanno ancora responsabilità politiche di alto livello in vari paesi o in organizzazioni internazionali. Ci chiede di trasmettere a tutti loro il suo ricordo più affettuoso e li ringrazia per la loro solidarietà. Insiste: «Dite che sto bene, come potete vedere. Sono consapevole del perchè sono in prigione. Lo so benissimo. Non ignoro il numero di cause contro di me. Non credo che mi libereranno. Se la Corte Suprema mi giudica innocente, ci sono già altri processi in corso contro di me, così non me ne andrò mai via da qui. Non vogliono che io sia libero per non correre alcun rischio…. Questo non mi spaventa. Sono pronto ad essere paziente. E per quanto mi riguarda, sono fortunato… Cento anni fa, sarei stato impiccato, o ucciso, o smembrato… per far dimenticare ogni momento di ribellione. Sono consapevole del mio ruolo… non ho intenzione di abdicare. Conosco le mie responsabilità verso il popolo brasiliano. Sono in prigione, ma non mi lamento. Mi sento più libero di milioni di brasiliani che non mangiano, non lavorano, non hanno un alloggio… sembra che siano liberi ma sono prigionieri della loro condizione sociale, da cui non possono uscire».

«Preferirei essere qui innocente piuttosto che colpevole… A tutti coloro che credono nella mia innocenza, dico: “Non difendermi solo con fede cieca. Leggete le rivelazioni di The Intercept”. È tutto lì, discusso, testato, dimostrato. Difendetemi con argomentazioni… preparate una narrazione, una storia… Chi non elabora una narrazione, nel mondo di oggi, perde la guerra. Sono convinto che i giudici e i pubblici ministeri che hanno messo in atto la manipolazione per imprigionarmi non dormono con la tranquillità che ho io. Non hanno la coscienza pulita. Sono innocente. Ma io non mi siedo a braccia incrociate senza fare nulla. Ciò che conta è la lotta».

Curitiba, 12 settembre 2019

Ignacio Ramonet è un accademico, giornalista e scrittore spagnolo che ha vissuto Parigi per gran parte della sua vita. É stato caporedattore di Le Monde Diplomatique dal 1991 al 2008. Tra le sue opere in italiano, segnaliamo i libri “Marcos. La dignità ribelle” (Asterios Editore, 2001), “Il mondo che non vogliamo. Guerra e mercato nell’era globale” (Mondadori, 2003), “Fidel Castro, autobiografia a due voci” (Mondadori, 2007). L’intervista in spagnolo è stata pubblicata da Cubadebate.

*Fonte: Opera Mundi
Traduzione a cura della REDAZIONE di CONTROPIANO

Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI TRADOTTI, Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.