Piero Gleijeses – Il leader più genuino

fidel-por-guayasamin1

Un anno fa, moriva Fidel Castro, una delle personalità più rilevanti della contemporaneità. Con poche parole, lo storico Piero Gleijeses, ne ricorda la grande portata internazionale così spesso dimenticata e messa in secondo piano.

Che cosa rappresenta Fidel per me? Immagini sparse, pezzi di frasi che conosco a memoria. Le parole di un amico, Nelson Mandela, quando è andato all’Avana nel luglio del 1991: “Siamo venuti qui con la consapevolezza del grande debito che abbiamo contratto con il popolo di Cuba. Nessun altro paese ha una storia di tanto altruismo come quello che Cuba ha dimostrato nei suoi rapporti con l’Africa”. Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in ARTICOLI TRADOTTI | Contrassegnato , , , , , , , , ,

William Serafino – L’astuzia di Maduro fa un’altra vittima: appunti in cinque atti sulla fuga di Freddy Guevara

3bff37388613196dad40fee60c6e72b6_400x400

I

Avevamo già una grande esperienza di guarimbas, di violenze e di sabotaggi economici: il golpe del 2002 e le morti che ne conseguirono; le proteste violente del 2007 le ricordiamo come momenti in cui la lotta politica da parole e ragionamenti è passata ai pugni e alle botte. Proprio perché non riuscivano a vincere Hugo Chávez nell’arte della politica, hanno cercato di trascinarlo sul terreno della violenza, ma nemmeno lì ce l’hanno fatta. Continua a leggere

Pubblicato in ARTICOLI TRADOTTI | Contrassegnato , , , ,

Alessandra Riccio – Berta Cáceres, la dura verità edulcorata

dscn1512_small

Il giudice Diego García-Sayán che è stato anche Presidente della Corte Interamericana per i diritti umani, su El País del 3 novembre (Edizione America), dà una lezione su come annacquare una notizia terribile e disperderla in un ragionamento sofistico che parte da una casuccia dell’Honduras dove, nottetempo, qualcuno ha ucciso una donna e ferito un ospite, ed arriva ai massimi sistemi e alla domanda da mille pistole: c’è democrazia in America Latina? Continua a leggere

Pubblicato in ARTICOLI DI ALESSANDRA RICCIO | Contrassegnato , , , , , , ,

Alessandra Riccio – Francesco Serino, La vera storia della Repubblica delle Banane. 1954: la CIA in Guatemala*

images

Francesco Serino è un grossetano, eroico libraio indipendente e storico per formazione e per passione. Quest’anno ha pubblicato con Mursia un’attenta ricostruzione degli eventi che, nel 1954, hanno condotto all’esilio il Presidente Arbenz e instaurato in Guatemala autoritarismo e caos che durano ancora oggi. Un lavoro accurato il suo che mette in luce, attraverso una documentazione meticolosa, il mix infernale prodotto dalla complicità “fra pubblico e privato nel reciproco interesse economico”. Complicità che spiega, ai giorni nostri, il caso Brasile con l’impecheament di Dilma e quello argentino con il successo di Macri. Continua a leggere

Pubblicato in ARTICOLI DI ALESSANDRA RICCIO, RECENSIONI | Contrassegnato , , , , , , , , ,

Ilka Oliva Corado – Il fascino del Che

458906824-130x91

Per chiudere questo Ottobre del cinquantesimo anniversario dell’assassinio del Che, mi sembra davvero adatto questo commento di Ilka Oliva Corado, guatemalteca, indocumentata, sopravvissuta alla traversata del deserto di Sonora, baby e dog sitter, donna delle pulizie ma anche pittrice, poetessa e blogger ormai nota non solo a Chicago dove vive clandestina, ma anche in molti altri paesi del mondo. Adattissimo perché per gli amici della Nostra America offre uno spaccato dal basso dell’ importanza della memoria dei miti e degli eroi e rafforza, sempre dal basso, l’aspirazione a quella Nuestra America sognata da José Martí e osteggiata dal potente vicino del Nord. Continua a leggere

Pubblicato in ARTICOLI TRADOTTI, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , ,

Juan Francia – Il Premio Sacharov all’opposizione venezuelana: quando il Parlamento Europeo sorride al fascismo

fascismo-640x439

Il 26 ottobre scorso, il Parlamento Europeo ha assegnato il premio Sacharov alla “libertà di coscienza”, all’opposizione venezuelana ma arriva in tempi di accuse incrociate e di crolli della finzione di una posizione comune nella Tavola di Unione Democratica (MUD), la coalizione politica di opposizione del Venezuela. Continua a leggere

Pubblicato in ARTICOLI TRADOTTI, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , , , ,

José Steinsleger – Ciro Bustos, il luogotenente del Che

images-1

José Steinsleger, giornalista storico del quotidiano messicano La Jornada, ma argentino di nascita, sull’onda delle molteplici e contraddittorie iniziative delle settimane scorse per ricordare il 50° anniversario dell’assassinio del Che, ripropone la storia –tergiversata e infangata- di uno degli uomini andati in Bolivia con il Che. Ciro Bustos, pittore argentino, arrestato insieme a Regis Debray, è stato insistentemente sospettato di aver rivelato la posizione del Che nella regione e dunque di averne favorito l’arresto. Liberato dopo qualche anno, clandestino nella sua natia Argentina, ha poi chiesto asilo politico in Svezia dove ha vissuto molti anni e dove è morto il 1 gennaio 2017. Steinsleger nota che, nonostante Bustos avesse scritto in un libro la sua verità in occasione del 40° anniversario, la fama di essere stato lui il delatore, persiste. Per questo, da bravo giornalista di lungo corso, ritira fuori le carte ingiallite del suo archivio, le interviste e le testimonianze che ha raccolto e ci restituisce tutta l’etica del personaggio, in onore alla verità storica. Continua a leggere

Pubblicato in ARTICOLI TRADOTTI, Senza categoria | Contrassegnato , , , , , ,