Rosa María Elizalde – Simboli

10978489_10203124329939406_5158089211623053874_n

Rosa María Elizalde è una delle migliori giornaliste cubane e latinoamericana. Il suo breve e fulminante commento alla giornata del 14 agosto, quando John Kerry ha presenziato alla riapertura dell’Ambasciata USA all’Avana, mi sembra degno di essere conosciuto.

In verità non avrebbe dovuto sorprenderci la messa in scena. Se utilizziamo la convenzionale distinzione fra potere duro e potere blando, resa popolare da Joseph Nye, è chiaro che quello di Obama è l’impero del simbolico, e a differenza dell’uso che faceva George W. Bush della minaccia militare, l’attuale amministrazione si fida soprattutto della forza della parola e dell’immagine per ottenere i propri fini politici. Una differenza che a volte è un po’ grossolana e che accorcia la distanza fra il falco e la colomba, come quando la sottosegretaria di Stato, Roberta Jacobson, ci ha detto, all’Avana, durante una conferenza stampa in casa dell’allora capo dell’Ufficio di Interessi di Washington, che la strategia degli Stati Uniti verso Cuba era la stessa di quella delle amministrazioni precedenti e che era cambiata unicamente la tattica.

Ma torniamo al simbolo. In un articolo del New York Times, pubblicato nel 2004, Ron Siskind ha raccontato che, avendo contestato il modo in cui Bush conduceva la guerra in Irak e la trasformava in uno spettacolo di massa, il principale assessore del Presidente, Karl Rove, aveva risposto: “Voi credete che le decisioni nascano dall’analisi della realtà, ma il mondo non funziona più così; adesso siamo un impero, e quando agiamo, creiamo la nostra stessa realtà.” E’ così che il discorso politico ha trasformato l’Irak in un paese pacificato sul quale regnava la stabilità democratica, invidiata dai paesi vicini ai quali non restava altro da fare che dare una mano anche loro. Più di dieci anni dopo, non è ancora terminata la vendita all’asta di simboli che creano e ricreano la scomoda realtà di quegli “angoli oscuri” del pianeta.

E da questo punto di vista i simboli godono di ottima stampa, così che questo 14 agosto all’Avana si è infiltrato in tutte le rassegne. Nella cerimonia della Missione degli Stati Uniti, le automobili vecchie sono apparse strettamente connesse alla bandiera a stelle e strisce che si rifiutava di sventolare –c’era un sole implacabile e neanche una brezza sul Malecón quel venerdì- e ai tre marines che hanno aspettato 54 anni per vederla issata sull’albero. E a John Kerry, naturalmente. Ma quelle macchine antiche, conservate in maniera eccellente come se fossero state per tutto questo tempo in un museo in attesa del ritorno dell’ambasciata nordamericana, erano la ciliegina sulla torta, la metafora perfetta di una Cuba che è rimasta congelata nel passato. Un’esotica cartolina del ritorno.

Quello che non ha detto nessuno è che la magnifica carrozzeria della maggior parte di queste automobili classiche che circolano per tutta Cuba, figlie del ferro e dello stagno della seconda guerra mondiale è sopravvissuta a un blocco che non ha lasciato passare neanche una rondella –come niente di quello di cui avevano bisogno i cubani per vivere-. Però, dentro sono stati ingegnosamente rifatte con motori russi, batterie cinesi, freni polacchi, gomme angolane, lampadine di qualsiasi parte e amortizzatori che contengono nichel della fabbrica “Che Guevara” di Moa. La forma non è innocente rispetto al contenuto e questo simbolo, per chi vive nell’isola profonda, sembra una battuta. Per non dire altro.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI TRADOTTI e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.